Gennaio, la sfida vegana è in atto e si chiama Veganuary

Gennaio, la sfida vegana

Gennaio è il mese di Veganuary: la sfida vegana. Nata dall’omonima associazione no-profit britannica, si propone di incoraggiare le persone a provare una dieta vegana per tutto il mese di gennaio. Come dire: anno nuovo, vita nuova. L’obiettivo è quello di sensibilizzare circa i benefici che una dieta a base vegetale ha sulla salute, sulla prevenzione della sofferenza animale e sull’ambiente. L’eco da i suoi frutti e ogni anno sempre più persone nel mondo aderiscono a questa iniziativa. Tu cosa ne pensi?

A gennaio, vita nuova?

La scelta di gennaio per il lancio della campagna coincide con il momento dell’anno in cui, per eccellenza, si tende a fare buoni propositi per migliorare la propria vita. Uno di questi potrebbe essere quello di scegliere uno stile di vita più sano e sostenibile, sia per se stessi che dal punto di vista ecologico. Ciascuno pensa a quali cambiamenti desidera apportare per un maggior benessere. Ogni anno Veguanary incrementa il numero dei partecipanti, anche se poi non sappiamo chi sostiene questo regime alimentare per tutto il mese, né chi riesce a mantenerlo più a lungo come stile di vita.

Idee per una dieta vegana

Quando pensi ad una dieta vegana, cosa ti immagini? Una triste insalatina? Verdure colorate con ogni tipo di cereale? In realtà un menù vegan può essere un viaggio che seduce tutti i sensi, ricco di colori, consistenze, sensazioni. Una cucina sana, a base vegetale e amica del pianeta può essere una continua sorpresa di sapori. Una gioia per gli occhi, oltre che per il palato. La creatività non ha limiti e gli abbinamenti di colori possono aiutarci a creare impiattamenti degni di un pittore. Oltre alla vasta gamma di vegetali, si mangiano cereali, surrogati della carne e del formaggio come seitan, tofu e tempeh. Una vera esplorazione tra nuovi gusti e culture del mondo.

Come cucinare?

Quali sono gli strumenti ideali per realizzare una cucina sana, gustosa, elegante e completamente vegetale? Oltre a pentole, padelle e robot da cucina, se ti vuoi sbizzarrire puoi attrezzarti con vaporiere, chinois per passare le tue creme e con un buon essiccatore. Essiccare frutta e verdura è facile e preserva moltissime proprietà nutritive, oltre a renderle croccanti. Quando cuciniamo è bello creare diverse consistenze e gli utensili adeguati ti aiutano a farlo. Una piastra teppanyaki come quella di Domo può essere una soluzione ottimale per la cottura delle verdure, che possono essere girate con delle pinze lunghe. Vieni a trovarci e potremo consigliarti al meglio.

Stili di cottura

La tua fantasia ti suggerirà lo stile di cottura adeguato per ogni preparazione. A gennaio meglio prediligere cotture lunghe, come stufati di verdure, creme, zuppe e minestroni. Si anche alla tempura: il fritto fatto come si deve porta calore nel corpo e ci aiuta a superare l’inverno. Ovviamente l’olio dev’essere nuovo e le verdure, ricoperte da una pastella leggera, cotte ad immersione. Una vera delizia per il palato.

Tradizioni popolari

Ci sono moltissimi piatti delle tradizioni popolari italiane che sono vegani, anche se non sono nati per esserlo. Dalla più classica pasta al pomodoro, alla caponata siciliana fino alla ribollita, solo per citarne alcuni. Così come vari tipi di verdure e contorni. Ma non solo. Aggiungiamo vellutate di verdure, legumi, piatti mediorientali e da ogni dove nel mondo. Tantissime tradizioni propongono ricette non considerate vegane ma che in realtà lo sono.

Gennaio, tempo di cambiamento

Veganuary non rappresenta solo la sfida vegana di gennaio, ma anche la voglia di apportare cambiamenti nel proprio stile di vita. Così puoi cambiare abitudini alimentari, il modo di cucinare e magari ti può venir voglia di passare più tempo in cucina. Questa è una buona occasione per sperimentare nuovi piatti. Ma anche per arricchire la gamma delle tue attrezzature: acquistare nuovi stampi per i tuoi dessert o qualsiasi utensile che solleciti la tua creatività. Questa sfida può diventare davvero divertente.